Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2008

mumbai-gateway.jpgL’India è spesso un paese sorprendente, almeno per me. Sono stato a Delhi e Mumbai e nient’altro. In entrambe le città ho visto rifiuti ovunque e mi è stato detto che gran parte del problema viene risolto dai poveri che raccolgono chi le lattine, chi la carte, chi la plastica … e le vendono a microsocietà che ne fanno uso e riuso. Spontaneo e caotico ma comunque in qualche modo funzionante – dico in qualche modo perché questa politica non evita enormi quantità d’immondizie un po’ ovunque. Era il 1999.

Oggi mi capita di sentire a Radio Rai 1, che la città di Mumbai – dicesi 23 milioni di abitanti – ha istituito la figura di un apposito vigilante che multa chi disperde immondizia: dallo sputo alla cartaccia, alla carcassa di automobile o di animale. Le indicazioni? Inflessibilità nelle zone finanziarie e internazionali della città; educazione in quelle poverissime dove i cittadini vanno guidati verso comportamenti più economici ed ecologici, senza vessarli.

Obiettivo: avere un vigilante ecologico ogni 500 abitanti nel 2010.

Motivazioni: 1) non si può andare avanti così; 2) gestire bene i rifiuti conviene.

A me viene il suggerimento di osservare come va e poi se è il caso di importare in Italia una buona pratica.

(danielegouthier)

Annunci

Read Full Post »

Hai voglia di parlare di ridurre i consumi e limitare le emissioni di anidride carbonica. Se non si compiono azioni concrete non si andrà lontano. E le azioni concrete non sono solo quelle decise dai governi. A volte si può contribuire nel proprio piccolo. Della raccolta differenziata abbiamo parlato più volte. Oggi affrontiamo un altro tema: cucinare con il sole. Un sistema economico, pulito e divertente per ottenere dalla luce della nostra stella quello che solitamente facciamo con gas, elettricità, legna e carbone. Avete capito bene: usare il sole per cuocere i cibi. Ecco qualche semplice e concretissimo esempio: Build a solar hot dog cooker (come costruire un piccolo barbecue solare in quattro mosse) , Build a Solar Powered Parabolic Cooker! (una proposta di facilissima realizzazione). E la voce di Wikipedia anche la diffusione di questi sistemi: Solar cooker.

Buon appetito! Andrea Mameli, Cagliari, 12 febbraio 2008.

Read Full Post »

Capita che dietro casa nostra ci sia un gerbido, come mi piace chiamare quell’appezzamento abbandonato in preda ai rovi e al caos. E capita che pur sollecitati i proprietari non ritengano di doverlo pulire. La conseguenza è che rovi e disordine invadono il mio normalmente ordinato giardino.

Così, da qualche tempo, tre quattro volte a inverno ci passo un paio d’ore a pulire, tagliare, sistemare. In genere lo faccio con qualche figlio. Oggi, la prima volta del 2008, è stata con me 9-anni.

Mi godo anche la cosa, è piuttosto igienico, prendo aria buona, chiacchiero, mi rilasso. Ma. Ma … Ma non mi torna questo strano rapporto col territorio che abbiamo, anche con quelle piccole parti di territorio delle quali rispondiamo per dovere di proprietà. Mi sa che quest’incuria, questa disattenzione, questo disinteresse, sono gli stessi delle monnezze campane, della non voglia di riciclare, del “gettare via” come soluzione alle cose.

L’alternativa è spendere del tempo, e spenderlo per i posti che ci stanno più vicini, riordinandoli e rendendoli visibili. Possibilmente senza spostare lo sporco e il caos nel giardino altrui – metaforicamente parlando. Ma anche rivendicando il diritto che altri non ce lo spostino nel nostro.

Sarebbe tanto sbagliato che ciascuno di noi dedicasse 10 ore all’anno al proprio territorio? Non sarebbe una soluzione ai problemi ma sicuramente vorrebbe dire gettare un nuovo sguardo sulle cose.

Forse se non ci proponessero sempre e solo di contribuire al bene comune con i soldi (tasse) ma anche con un po’ del nostro tempo, ne uscirebbe qualcosa di buono.

(danielegouthier)

Read Full Post »

Dal sito di Repubblica rilancio foto che per me hanno dell’incredibile. A distanza di ventiquattr’ore a Pozzuoli le strade sono tornate pulite.

 pozzuoliieri.jpg          pozzuoli_oggi.jpg

Ma allora si può fare?

Non so se viverlo con speranza o con rabbia. Ditemi un po’ voi.

Read Full Post »