Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2010

I Compact Disk, meglio conosciuti col nome di CD, sono fra gli oggetti che stuzzicano maggiormente la fantasia degli artisti del riciclo.  Spulciando qua e là nel web, e districandoci fra blog e siti che si occupano di riciclo e sostenibilità ambientale, possiamo trovare molti esempi di oggetti creati con CD usati e quindi non più adatti alla loro funzione originaria. Il sempre ottimo www.greenme.it ci suggerisce addirittura 5 diversi modi per riciclare al meglio i nostri CD: un poggia-cellulare, un fornello solare, una targa personalizzata per la propria bicicletta, una lampada e addirittura un ventilatore!  Su www.paneamoreecreativita.it si propone invece di usare i vecchi CD come spaventapasseri per il proprio orto (soluzione già vista personalmente all’ingresso di AREA Science Park di Trieste). Infine, per i più creativi artisti del riciclo, i CD possono rappresentare anche una fonte preziosa, e soprattutto luminosa, per arredare le nostre case. A tal proposito Il sito www.genitronsviluppo.com ci mostra splendidi lampadari di CD usati, creati da due bravissimi eco designer: guardare per illuminarsi gli occhi!

(Gianluca Carta, 13/05/2010)

Annunci

Read Full Post »

Uno dei territori più depressi d’Italia, soggetto a forte disoccupazione e galoppante emigrazione, già sfruttato in diversi settori da multinazionali di ogni tipo, rischia di diventare definitivamente un hub della “monnezza”, con scelte politiche e programmatiche pronte a virare verso l’incenerimento, in nome di un’emergenza rifiuti che non ha nulla da invidiare alle vicine Calabria e Campania, regioni commissariate proprio sulla gestione dei rifiuti. Infatti, in un incontro convocato dal presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo – al quale hanno partecipato l’assessore regionale all’Ambiente, Agatino Mancusi, i presidenti delle province di Matera e Potenza, Franco Stella e Piero Lacorazza, il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, il commissario unico degli ATO rifiuti, Sabino Altobello, oltre a funzionari e tecnici regionali – si è deciso di favorire l’intervento di capitali privati nel finanziamento dell’impiantistica. Continua a leggere

Read Full Post »